Lago Trasimeno e i borghi

Città della Pieve, gioiello tra Umbria e Toscana

vicino al trasimeno c'è Città della pieve, felicemente incastonata tra la valdichiana e le colline umbre, con una storia antica e numerosi edifici storici intrisi di arte. Il borgo è patria del pittore Pietro Vannucci soprannominato 'Il perugino'

A pochi chilometri dal Trasimeno su un colle tra i fiumi Nestore e Chiani, c’è un borgo che trasuda di storia e sembra sospeso nel tempo: Città della Pieve. Immersa in una campagna armoniosa e panoramica, il paese ha dato i natali al celebre Pietro Vannucci soprannominato "Il Perugino”, che fu maestro di Raffaello.

Di antichissima origine, si sa che fu abitata dagli etruschi come attestato da numerosi vasi e lapidi rinvenuti nelle campagne. Fu municipio romano, come dimostra una lapide ritrovata nell’orto del convento di S. Francesco, nei primi secoli dopo Cristo era denominata Pieve di San Gervasio e nel medioevo fu dotata di mura e torri. Nel Trecento i perugini eressero la rocca dove nel 1503 Paolo Orsini e il duca di Gravina vennero giustiziati in seguito alla strage di Senigallia. All’inizio del Seicento papa Clemente VIII le diede la denominazione attuale e, poco dopo, il paese si trovò coinvolto nel conflitto tra Stato Pontificio e Ducato di Parma.

Città della Pieve è ricca di edifici storici: Santa Maria dei Bianchi con l’affresco "L'adorazione dei Magi” del Perugino, la gotica Cattedrale dei Santi Gervasio e Protasio risalente all’VIII secolo con opere di Alfani e Savieni, il cinquecentesco Palazzo della Corgna, il Museo Civico Diocesano, la duecentesca chiesa di San Pietro, Palazzo Bandini, Palazzo della Fargna. Un’attrazione amata è il Vicolo Baciadonne, uno dei più stretti d’Italia con i suoi sessanta centimetri.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.